Tours
Alba capitale delle Langhe

Alba è la Capitale delle Langhe, la patria dei grandi vini: Barolo, Nebbiolo, Barbaresco, Dolcetto, Barbera tra i rossi o un fresco Arneis per accompagnare: salumi eccellenti, formaggi deliziosi, paste preparate a mano, e questo, non è che una piccola espressione della tipicità del territorio unico al mondo e, la cittadina ne è la vetrina, dove l’orgoglio albese è tangibile nei negozi del centro, nello struscio quotidiano che porta gli abitanti al passeggio di fine giornata per l’aperitivo con gli amici e la programmazione della serata. 

Via Maestra per gli albesi e Vittorio Emanuele per il catasto è l’arteria principale del centro, tanti negozi con specialità a rappresentanza dei sapori, enoteche con etichette per tutte le tasche, poi tanti bar dove godere della calma e del piacere di sedere tra palazzi storici, chiese barocche, torri medioevali. Per chi oltre alla sete di vini e voglia di cibi unici, ha fame di architettura, molti gli edifici di culto di magnifica bellezza da visitare. Partendo da piazza Savona e lasciandosela alle spalle sulla sinistra: la chiesa di Santa Cosma e Damiano che fu costruita sui resti romani e riedificata nel 1760 a cura del Conte Rongone di Montelupo, è un edificio raccolto, ricco di esempi pittorici barocchi e spicca un magnifico organo a completamento della chiesa. 

A pochi passi ed ecco la magnifica Chiesa S. Maria Maddalena, il cui esterno risalta tra i palazzi dipinti per i mattoni a vista. Edificata nel 1700 su disegno dell’architetto Bernardo Antonio Vittone è un eccellente esempio di barocco, la sua volta è decorata alla Gloria dei Santi e dietro l’altare maggiore è posto il coro delle monache dove è visibile un pregevole Crocifisso in legno del XVI secolo. La chiesa adiacente al monastero delle Domenicane era all’epoca collegata direttamente, permettendo alle suore di clausura di accedere all’edificio senza essere viste. Percorrendo la Via Maestra, tanti poi i negozi che hanno trovato la sede ideale nei palazzi storici dando luce e colore agli edifici del cinquecento un tempo abitazioni dei ricchi commercianti e dei nobili. 

Proseguendo tra una vetrina e una chiesa, locali dove gustare a calice vini locali, poi ancora negozi dove acquistare i tajarin o in stagione il magnifico tartufo bianco. La via confluisce in Piazza del Duomo, dove la cattedrale romanica risalente al XII – XIII secolo, incornicia lo spazio con la sua elegante ed essenziale bellezza. Molte le aggiunte e modifiche nei secoli fino alla forma attuale. L’edificio a croce latina si sviluppa su tre navate. Degne di nota sono certamente la pala dell’altare di Francesco Beaumont intitolata alla Gloria di San Lorenzo martire a cui si accede da un’importante scalinata, il coro ligneo realizzato da Bernardino da Codogno risalente al 1512 e l’arca cinquecentesca della cappella di San Teobaldo. Meravigliosa è la volta che proietta il visitatore nel cielo stellato dal magnifico blu intenso e oro affrescata da Milocco nel 1760. Tanti i luoghi dove raccogliersi in contemplazione tra le varie immagini di culto, di pregevole architettura o durante le messe solenni poter gustare le austere e importanti note dell’organo che si incastra imponente nella cattedrale. Molti i palazzi di pregevole architettura si affacciano su piazza Duomo come il Municipio e da qui parte Via Cavour dedicata al celebre statista molto presente in Langa giacché dal 1832 si trasferì nei possedimenti di famiglia a Grinzane. Anche qui palazzi di pregio, ristoranti, bar e negozi. Uscendo dalla cittadina e spingendosi per qualche chilometro verso le colline, soprattutto al tramonto, si può godere di un emozionante panorama di Alba che oltre alla sua bellezza intrinseca è sede della Fiera internazionale del Tartufo bianco d'Alba che si tiene in ottobre, di Alba Jazz Festival di giugno, Alba Music Festival, rassegna annuale nata nel 2001. 

Highlights

Logo Langhe.it